"La direzione di un battito" di Layla Tales

28.09.2017

SELF PUBLISHING:

0.99 EURO (in formato eBook).

TRAMA:

Lara e Luca hanno molti motivi per cui non dovrebbero stare insieme: lui è più grande di lei, con una situazione familiare a dir poco disastrata tra una ex fin troppo ingombrante e due figli che di certo non può abbandonare nelle grinfie di Vera.

Lara è giovane, senza esperienza e con una famiglia dalla mente abbastanza tradizionale, che ha sempre visto quella figlia come eternamente obbediente.

Eppure Luca e Lara si innamorano, con un'intensità che potrà reggere tutti i problemi delle loro vite, ora unite?

<<Ti piace darmi dei soprannomi vero? Se qualcun altro lo avesse fatto mi sarei infuriata. Ma tu mi fai sentire preziosa, ed è per questo che verrei con te se mi portassi via. Voglio qualunque cosa sarai disposto a dividere con me>>

RECENSIONE (4\5):

Ho deciso di approfittare di un'offerta per acquistare questo libro che mi ha colpito veramente nel profondo!

Inizio dal dirvi che inizialmente non mi convinceva troppo, sia perché era un po' lento, sia per il semplice fatto che l'amore tra Lara e Luca mi sembrava così irreale, nonostante lo guardassi con un misto di ammirazione e invidia, perché insomma chiunque vorrebbe sentirsi amato almeno un quinto di quanto amano questi due...

Comunque lentamente e ribaltando completamente le mie aspettative, il libro mi è iniziato a piacere in maniera esponenziale, convincendomi leggermente a continuare a leggerlo, fino a che... be' fino a che non lo ho finito, lasciandomi con un buco nel cuore che spero il secondo di questa saga possa colmare...

Devo dire che che il tutto è calibrato alla perfezione, ma senza rallentare un minimo la lettura, quando si riesce ad arrivare a un punto di svolta! 

L'inizio mi preoccupava un po' e avevo paura che la fantasia di Layla terminasse, ma lei è riuscita a colpirmi continuando tranquillamente la narrazione, fino a condurmi ad una fine adeguata e sperata.

Oltre ad essermi innamorata della trama e dei plot-twist adoperati, ho adorato la piccola "Laretta", che è quel tipo di personaggio che io adoro, perché è estremamente simile a me e quando succede questo be' mi immedesimo sempre e immediatamente in quei personaggi e il libro acquista un punto in più per me.

Non sono dello stesso parere per Luca, perché certe volte la botta in testa se la sarebbe meritata, ma di questo approfondiremo nello "sclero time".

L'amicizia tra Andrea e Lara mi ha stupito molto, perché fin troppo spesso la costruzione di amicizie del genere è precaria, oppure solo una relazione di passaggio che porta al consolidamento di un amore a lungo agognato; e in cuor mio temevo che fosse così, ma Layla mi ha stupito regalandomi questa stupenda amicizia, per cui le sono grata.

Il libro devo ammetterlo migliora andando avanti nella lettura e se state cercando una storia d'amore un po' enigmatica e con tanti punti interrogativi, ma anche tanto amore e sentimenti, be' non posso fare a meno di consigliarvi "La direzione di un battito" di Layla Tales!

IT'S SCLERO-TIME:

(Questo è un piccolo spazio che mi prendo per spiegare in modo meno professionale cosa mi ha colpito del libro, in modo più approfondito, perciò WARNING SPOILERS AHEAD!).

Voi sapete fin troppo bene quanto i "fobidden love" siano un "NO" nei libri per me!

E già questo vi dovrebbe convincere della bellezza di questo libro, che consiglio veramente se avete bisogno di una dolce storia d'amore, che risolleverà i vostri animi affranti, alla ricerca di una qualche nuova speranza amorosa.

E lo dice una che di romantico a ben poco!

Perciò se è riuscito a commuovere me (avete presente Lorcan? Piango più o meno quanto lui e sì, ho pianto anch'io per Elide, se ve lo state chiedendo!), può farcela con chiunque.

Ma parliamo di qualcosa che vi ho anticipato nella mia recensione principale: Luca, dire che io e Andrea siamo della stessa opinione nei suoi confronti è un grandissimo eufemismo per il mio "velato" odio per lui e i suoi momenti di stupidità, perché se ci fossi stata veramente io al posto di Lara era da mo' che non ci parlavamo più.

E inoltre devo ammettere che il suo atteggiamento inizialmente era un po' da stalker (e la differenza di età mi ha leggermente spiazzata, ma lentamente e mentre vedevo che l'amore tra i due cresceva mi sono convinta a lasciare passare...).

Per tutta la seconda parte, ogni volta che parlava per ferirla lo avrei volentieri picchiato io al posto di Andrea, che, se non si fosse capito, è uno dei miei personaggi preferiti e non vedo l'ora di leggere le sue prodezze nel prossimo libro!

Comunque sono felice che alla fine abbiano fatto pace, perché sinceramente si meritano l'un l'altro (e io merito Andrea, ma questi sono altri discorsi...).

Quanto è stato bello quando Lara "ha chiuso" Vera e Monica? Questo dimostra che veramente noi "acque chete" siamo veramente pericolose quando ci arrabbiamo.

Ah, a proposito (lo so questa è una paranoia solo mia, ma ho adorato anche i ringraziamenti!).

Nonostante tutti i miei pregiudizi, questo libro mi è entrato nel cuore e spero di proseguire al più presto la saga!

(Piccola comunicazione di servizio: purtroppo gli orari delle mie recensioni cambieranno un po' in questi giorni, perché devo abituarmi e organizzarmi con gli orari delle mie lezioni universitarie! Domani potrei doverlo pubblicare alla sera oppure sempre nel pomeriggio! Abbiate pazienza e prometto di ritornare la solita Eroine, il prima possibile!). 

Alla prossima!

Eroine.