"Regina Rossa" di Victoria Aveyard

08.08.2017

MONDADORI

12, 50 EURO (copertina flessibile)

TRAMA:

Mare Barrow ha il sangue rosso e questo fa di lei un'inferiore, capace solo di sgobbare per tutta la giornata per gli Argentei, cioé chi ha il sangue argenteo e proprio per questa caratteristica hanno straordinari poteri soprannaturali.

Però un giorno, davanti all'intera corte del re, Mare rivela di avere un potere completamente diverso da quello degli argentei, ma che può benissimo diventare un pericolo per il fragile equilibrio tra Rossi e Argentei.

Dovrà diventare una principessa, mentire a tutti e non fidarsi di nessuno, per cercare di sopravvivere a corte, dove una rivoluzione a nome di un gruppo terroristico, chiamato la "Guardia Scarlata", sta per avere luogo.

Riuscirà la principessa Mareena Tithanos a ingannare tutti?

<<Gli dei ci governano tuttora, solo che sono scesi dal firmamento. E non sono più tanto benevoli>>

RECENSIONE (4\5):

Allora ho scelto di leggere questo libro per una specie di "passaparola-fandom", ne senso che (come per Trono di Ghiaccio) mentre perdevo tempo su Pinterest mi sono apparse alcune immagini divertenti di "Regina Rossa" e queste mi hanno reso molto curiosa e infine mi sono decisa di leggere il libro.

E non mi sono pentita!

"Regina Rossa" è una lettura decisamente inetressante, non nuova visto che ci ho trovato alcuni particolari ripresi da "Hunger Games" o da "The Selection", ma niente di eccessivo che impedisce alle caratteristiche della scrittura della scrittrice di emergere.

E con caratteristiche intendo la stupenda creazione che è Mare: io attendevo da anni una protagonista così, decisa, guidata da un minimo di istinto di autoconservazione e con delle motivazione dietro le sue azioni abbastanza valide.

Certo non approvo tutte le sue scelte, ma allo stesso tempo è giusto che rimanga anche questa lontananza tra un carattere e il lettore, soprattutto in un libro in cui tutti possono tradire tutti.

Un'altra caratteristica stupenda che la Aveyard descrive perfettamente è quella dei legami intricati eppure superficiali che guidano i personaggi: da brividi, estremamente complicati e decisamente fuori dai tutti gli schemi. Simile agli intrghi "Game of Thrones", solo in una versiona più "young adult".

Ci sono alcuni difetti e ammetto che la lettura non mi ha veramente preso fino alla fine, ma il libro è caratterizzato da tantissimi elementi interessanti e che spero la Aveyard riesca a sviluppare al meglio! 

IT'S SCLERO-TIME:

(Questo è un piccolo spazio che mi prendo per spiegare in modo meno professionale cosa mi ha colpito del libro, in modo più approfondito, perciò WARNING SPOILERS AHEAD!).

Iniziamo con il dire che il cognome Calore è una crudeltà terribile per una persona come Cal, che è praticamente stato inutile per tutto il libro. Cioé ha fatto qualcosa per Mare, ma viene tutto messo in secondo piano, come se fosse niente rispetto a quello che Mare e suo fratello fanno, come a voler farci capire di chi dobbiamo veramente avere paura.

E comunque bravo Cal che hai scelto il regno rispetto alla donna amata! (parlavamo di cliché?)

Mare è stata fantastica, finalmente una protagonista con un'idea chiara in mente e una determinazione che le permetterebbero di conquistare il mondo; dobbiamo ancora lavorare sul sacrificio per gli altri, ma siamo sulla buona strada!

E' estremamente badass, senza essere necessariamente la persona più tosta della stanza, e nemmeno la più intelligente, ma Mare Barrow era la scintilla che ci voleva nel mondo young-adult.

Sto per parlare di Maven, perciò se lo ritenete un cucciolo di foca con tanti "daddy-issues", non andate oltre.


Perché non è un cucciolo di foca! E' un maledetto serpente, psicopatico con manie da stalker, perché la scena nella cella a me ha fatto venire i brividi (cinquanta punti a Mare per avergli sputato!).

Io lo ho adorato, perché se hai la combo occhi azzurri e capelli neri, hai un posto nel mio cuore (popolazione attuale: Will Herondale, Jason Todd, Dorian Havilliard, Rhysand, Azriel, Alec Lightwood...) perciò mi sono fidata come Mare, nonostante fossi già a conoscenza che non avrei dovuto farlo, ma...

Mi unisco agli ultimi pensieri di Mare e Cal.

Kilorn: quanto è bello vederlo che ci prova con Mare e che lei non se ne accorge?

Sì, sono leggermente sadica... ma da quando ha deciso di non sfruttare la vita che l'amica gli ha procurato a costo della sua, io lo ritengo un'idiota. Ti ho voluto bene Kilorn.

Sapete a chi ho voluto bene? Shade, perché se leggevo un altro libro in cui moriva il fratello della protagonista, io non sopravvivevo... Grazie Shade e Farley, che è immortale!

Sono ansiosa di leggere "Spada di Vetro" e spero che non mi deluda, perché voglio una bella vendetta per il mio povero cuoricino ferito!

Finiamo lo sclero ora, oppure divento volgare!

Alla prossima!

Eroine.

P.S.: Comunque Evangeline Samos che scappa è una delle poche cose che mi da soddisfazione in questo libro (nemmeno quanto il bacio tra Mare e Maven).