Collaborazioni: LA MIA ESPERIENZA.

13.07.2018

Salve personcine!

Ho deciso in onore dell'avvicinarsi del mio primo anno di blog, di parlarvi di collaborazioni e nello specifico della mia esperienza, in quanto in un anno sono riuscita a avere collaborazioni con case editrici e autori emergenti e magari la mia esperienza potrebbe aiutare qualcuno!

(Detto questo non è che io adesso mi considero una superstar o altro di bookstagram perché non lo sono assolutamente, ma siccome ho avuto la possibilità di fare esperienza in entrambi i settori ho pensato che sarebbe stato interessante condividerla con voi!)

Non so se fare un "how to collaborate with" articolo perché non so se vi potrebbe interessare dopo questo articolo, ma fatemi sapere che ne pensate, se ne volete vedere uno anche su questo blog!

Ma iniziamo, e ho deciso dapprima di parlarvi delle case editrici!

CASE EDITRICI:

E' più difficile ottenere una collaborazione da parte di una casa editrice, principalmente perché è raro essere contattato da quest'ultima, soprattutto se si tratta di una casa editrice "grande".

Io da questo punto di vista ho perciò collaborato molto raramente con loro, principalmente con case editrici piccole (Nativi Digitale, Bakemono Lab e The Dark Zone) contattandole e chiedendo collaborazioni, oppure accettando di recensire nuovi libri o segnalarne altri.

Il motivo per cui sono stata così restia a provare a propormi a case editrici più grandi è stato il fatto che non raramente quest'ultime richiedono un seguito abbastanza grosso, cosa che non avevo quando ho aperto il blog, perciò quando ho provato a fare un tentativo con una casa editrice più grande mi è stato sbattuta la porta in faccia.

Perciò diciamo che mi sono ritrovata un po' con la coda tra le gambe e ho deciso di leccarmi le ferite e cercare di iniziare a lavorare dal basso per arrivare alla cima, incontrando molte sorprese sul mio cammino, tra cui la "Nativi Digitali" che ha alcuni gioiellini veramente interessanti e spero che venga conosciuta di più, anche perché sono stati quelli con cui ho avuto un migliore rapporto.

Tristemente con le altre due case editrici non ho riscontrato un interesse approfondito nel mio lavoro, cosa che sinceramente non capisco, perché per quanto mi siano stati dati ebook digitali da recensire, c'è comunque un investimento di soldi e risorse verso una persona, che utilizza il suo tempo per leggere e recensire il libro, solo per venire prontamente dimenticata.

Inoltre una cosa che mi ha dato personalmente fastidio è stata che una di queste due case editrici mi ha promesso di inviarmi i libri cartacei, che non sono mai arrivati; ora non è perché volevo i libri cartacei, ma semplicemente per il fatto che la casa editrice in questione ha ricevuto dati personali, che avrei preferito non dare, se non sarebbero stati usati...

Sinceramente perciò sono un po' delusa da questi comportamenti e non so se continuerò a collaborare con le case editrici...

AUTORI EMERGENTI:

Passiamo agli autori emergenti, con cui ho avuto maggiori esperienze, in quanto sono maggiormente soliti contattarvi loro, invece che attendere una richiesta di collaborazione da parte del book-blogger\tuber\stagrammer.

Io solitamente ho tre modi per essere contattata per una collaborazione:

1. Il modulo contatti che trovate nella mia sezione "Contatti", qui sul blog.

2. La mia email: eroine.penzel@libero.it.

3. Un DM sul mio instagram (@eroine.penzel) (che è il metodo più usato in quanto permette un contatto diretto).

Ho avuto molte belle esperienze, ma vorrei fare alcune puntualizzazioni agli autori emergenti, in quanto ci sono alcune cose che possono benissimo aiutare sia noi che voi a comprendere meglio il nostro giudizio.

1. Inizio con una cosa che mi succede molto spesso: il considerare il 3\5 stelline un voto negativo; il vero voto negativo non è nemmeno due stelline se seguite la graduatoria di Goodreads perciò per favore non sentitevi offesi per l'uso di tre stelline su cinque. Io sono solita dare tre stelline su cinque quando un libro per quanto carino, presenta alcune problematiche o aspetti che non rispettano magari alcuni dei miei personali standard. Infatti le ultime due stelline riguardano almeno nel mio giudizio un gusto personale. Perciò non sentitevi assolutamente offesi o criticati: un libro che riceve tre stelline su cinque è un buon libro, solo deve migliorare da alcuni punti di vista.

2. Non lasciateci per favore fare la "caccia al tesoro" riguardo i vostri dati: quando ci inviate una proposta non inviateci il "vuoi collaborare con me?", inviateci invece una descrizione sia di ciò che avete pubblicato con trama-titolo-genere e altri appunti, che ritenete utili.

3. Per favore non considerateci il vostro personale canale di pubblicità: io ho avuto autori con cui c'è stato un dialogo perfetto e ben curato che ho piacere ad aiutarli, soprattutto perché ho amato il loro libro e loro mi hanno mostrato un rispetto chiaro e attento nei miei confronti, ma non aspettatevi un trattamento simile se siete arroganti e maleducati. Soprattutto per favore fate una ricerca sul backgound della persona che avete intenzione di contattare, in quanto potrebbe aiutarvi a scartare fin da subito persone che non potrebbero essere interessate al vostro libro...

Detto questo devo dire che è stata una grandissima esperienza per me collaborare sia con le case editrici che con gli autori, per il semplice fatto che ritengo che anche delle esperienze negative possono aiutare e insegnare tanto!

Voi collaborate con autore o case editrici? Quale è stata la vostra esperienza?

(Naturalmente non dovete collaborare necessariamente per avere un canale Youtube o un blog o un account instagram, anzi i vostri networks sono totalmente validi lo stesso anche se non accettate collaborazioni!)

Alla prossima!

Eroine Penzel.