"Lunatica: storia di una mente bipolare" di Alessandra Arachi

15.09.2017

BUR

7,80 EURO (copertina flessibile)

TRAMA:

Quella che l'autrice ci narra è una vera storia, la sua vera storia.

La storia di un disturbo che la ha portata dall'euforia più forte e incontaminata a un depressione tale da fare del suicidio il suo unico scopo nella vita.

Alessandra Arachi parla del suo disturbo bipolare, in questo piccolo libro, senza censurare niente di quella mania che la ha portata sul baratro dell'autodistruzione, e da cui solo un miracolo poteva salvarla.

<<Non volevo morire. Ma non sapevo più come si faceva a vivere>>

RECENSIONE (4\5):

Mi sono avvicinata a questo libro per una curiosità personale sul disturbo bipolare di cui praticamente ignoravo qualsiasi cosa, e che perciò volevo assolutamente approfondire.

Penso che questo sia il libro perfetto per chi come me vuole iniziare ad affrontare questo argomento, da un punto di vista che non sia professionale, e che comunque non faccia parte del proprio ambito di studio o di lavoro.

E' molto adatto per questo compito perché: A) è un'autobiografia molto efficace e scritta decisamente in modo magistrale e perciò in un certo senso si distacca da un approccio tecnicamente scientifico e professionale, che però è sempre presente nel libro.

Io trovo che, nonostante la storia possa sembrare un po' romanzata, la narrazione della scrittrice colpisce molto lettore, mettendo in evidenza i segni di questo disturbo, ma non come farebbe uno psichiatra con un elenco ma facendoceli conoscere gradualmente. 

Inoltre l'utilizzo di una scrittura decisamente non "asettica" concede a una discreta speranza di crescere nell'animo di tutti i lettori, e devo ammettere che ho sinceramente amato la fine di questo libro.

B) Vi avevo già detto che comunque un'impronta medica non è decisamente assente, e si presenta nella forma della postfazione di Athanasios Koukopolos, che ci offre un interessante quadro medico riguardo non solo il disturbo bipolare ma tantissime malattie che sono collegate a questo disturbo, come per esempio la depressione.

E' un utile riassunto e conferma dei fatti narrati da Alessandra Arachi, e vi consiglio di leggerla con attenzione.

Infine questo libro può sembrare poco approfondito, ma a mio parere questo è stato fatto per lasciare degli spunti di riflessione al lettore, o almeno io ne ho trovati tanti, in cui ero più o meno d'accordo con la scrittrice.

Se non avete ambizioni professionali e volete leggere qualcosa di molto interessante e efficace su questo disturbo, vi consiglio sinceramente questo libro in quanto è un perfetto mix di romanzo e informazione.

Io ammetto che mi è stato molto utile per comprendere questo disturbo di cui avevo solamente sentito parlare e spero che possa essere utile anche a voi, se ignorate ancora che cosa sia il disturbo bipolare!

Qui finisce la recensione e ci sentiamo lunedì con la recensione di "La Signora di Mezzanotte" di Cassandra Clare, per festeggiare l'uscita in Italia del suo seguito, che acquisterò il prima possibile!

Perciò a Lunedì!

Alla prossima!

Eroine.

Ultimi post nel mio blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Tristemente non sono riuscita a pubblicare molto sul blog, sia per il fatto che tristemente mi sono dovuta impegnare nello studio (cosa in parte non vera, in quanto sono completamente la mia voglia di studiare è sotto i miei piedi) e mi sono ritrovata priva di ispirazione per tanti articoli, cosa che spero però di recuperare presto, riportandovi...

Cristian sa bene che cosa è: uno dei migliori calciatori del mondo, seguito da tantissimi fan e con un futuro tremendamente promettente!